Come installare Ubuntu 14.04 con RAID 1 utilizzando l’installazione desktop?

Molte persone sostengono che è imansible installare Ubuntu su RAID 1 con il Desktop CD. È proprio vero? In caso contrario, come può essere fatto?

Modifica: questa guida non prende in considerazione l’avvio UEFI. Potrebbero essere necessari passaggi aggiuntivi o diversi se si desidera l’avvio UEFI. Questa guida presuppone l’avvio legacy!

È vero che l’installatore di ubiquity non conosce i dispositivi raid del software mdadm . Inoltre è vero, che nel live-cd manca lo strumento di amministrazione raid mdadm . Tuttavia, facendo un po ‘di lavoro a mano, è molto ansible installare Ubuntu su RAID1.

Di seguito assumerò due dischi rigidi identici ( /dev/sd[ab] ) che saranno usati completamente per la nostra nuova installazione. Per semplificare il ripristino in caso di guasto di un’unità, ci sarà solo un mdadm -volume /dev/md0 che verrà quindi partizionato per / , swap e archiviazione dati, ad esempio /home .

Dopo aver avviato il live-cd e (se necessario) configurando l’accesso alla rete, aprire un terminale e assumere l’accesso root sudo -s

 apt-get install mdadm 

Ora creiamo una singola partizione primaria ciascuno di / dev / sda e / dev / sdb dal settore 2048 alla fine del disco, per esempio usando sudo fdisk . Mi piace anche impostare il tipo di partizione su fd per il rilevamento automatico di Linux. La sequenza di tasti in fdisk (se il disco è vuoto all’inizio, ovvero senza partizioni) è n p 1 2048 t fd w .

Ora creiamo il volume mdadm :

 mdadm --create /dev/md0 --bitmap=internal --level=1 -n 2 /dev/sd[ab]1 

Ho notato che anche l’installatore di ubiquity non riesce a creare partizioni all’interno di /dev/md0 , quindi l’ho fatto anche a mano, sempre usando fdisk . Quindi su /dev/md0 crea le seguenti partizioni:

  • /dev/md0p1 per il tuo filesystem di root, la dimensione ovviamente dipende dalla quantità di software che stai per installare.
  • /dev/md0p2 per lo scambio, la dimensione ovviamente dipende anche da cosa usi la macchina e quanta RAM ha
  • /dev/md0p3 per / home, tutto lo spazio rimasto

Dopo di ciò possiamo iniziare l’installazione. Assicurati di avviare l’installer dal terminale con l’opzione -b , perché l’installazione del bootloader fallirà comunque:

 ubiquity -b 

Assicurati di utilizzare il partizionamento manuale e “usa” le 3 partizioni appena create e seleziona la casella di controllo del format per / e /home modo da creare un filesystem.

Dopo l’installazione il sistema non è ancora avviabile, quindi non riavviare subito la scatola. Dobbiamo eseguire il chroot nel sistema installato e sistemare alcune cose:

 sudo -s mount /dev/md0p1 /mnt mount -o bind /dev /mnt/dev mount -o bind /dev/pts /mnt/dev/pts mount -o bind /sys /mnt/sys mount -o bind /proc /mnt/proc cat /etc/resolv.conf >> /mnt/etc/resolv.conf chroot /mnt apt-get install mdadm nano /etc/grub.d/10_linux # change quick_boot to 0 grub-install /dev/sda grub-install /dev/sdb update-grub exit 

Ora il nuovo sistema installato è pronto per l’avvio. Divertiti!

Non installare il CD di Ubuntu Desktop con RAID 1. Il mio consiglio:

  1. Utilizzare il CD di Ubuntu Server per un’installazione guidata RAID 1. Il manuale per questo è qui (ignora la parte LVM, non necessaria):
    https://help.ubuntu.com/lts/serverguide/advanced-installation.html
  2. Successivamente, installare l’ambiente desktop di Ubuntu con
    sudo apt-get install ubuntu-desktop
  3. Riavvia e hai un desktop Ubuntu (installato con il cd del server).

Non ho provato, ma sono appena arrivato su http://www.salamander-linux.com/ .

Salamander è una versione modificata del programma di installazione predefinito per Ubuntu Linux, Ubiquity. Questo programma di installazione modificato consente agli utenti di installare facilmente Ubuntu Linux su un array RAID software. Non è richiesto hardware speciale: il programma di installazione di Salamander può essere utilizzato su qualsiasi sistema con più dischi rigidi.